Villaspeciosa in un click!

Progetto finanziato tramite la L.R. n. 261997

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Sant'Isidoro

Le celebrazioni in onore di sant’Isidoro rappresentano da tempo immemorabile una delle principali feste della primavera, sempre in bilico tra il ringraziamento per l’anno trascorso e l’invocazione per una buona annata agricola. Sant’Isidoro, infatti, è considerato il santo protettore dei campi, dei raccolti e dei contadini e la festa in suo onore è conosciuta anche come festa degli agricoltori. Per la popolazione locale rappresentava l’occasione per celebrare la fine dell’inverno e l’inizio della nuova stagione accompagnata dal risveglio rigoglioso e festante della natura. 
I festeggiamenti in suo onore, a Villaspeciosa, sono sempre stati organizzati con forte attaccamento religioso e vissuti con grande partecipazione. Il momento più suggestivo e atteso era la processione a cavallo: chi ne possedeva uno ddu cuncordàt cun froris, lo adornava con ogni genere di fiori e l’immancabile mazzo di spighe, per cavalcarlo poi personalmente; assieme ad essi altri preparavano le tradizionali tracas, carri trainati da buoi allestiti a mo’ di vecchie case e a cui venivano appesi gli strumenti di lavoro tipici della tradizione agraria locale.
In tempi più recenti i carri di buoi sono stati sostituiti dai trattori: carichi di arnesi e utensili caratteristici degli ambienti domestici contadini, sfilano per le vie del paese e accompagnano la statua del santo, insieme ad allegre comitive di uomini, donne e bambini vestiti con l’abito tradizionale, verso la chiesa parrocchiale dove i festeggiamenti si concludono con la santa messa.

1  1958. La statua di sant’Isidoro viene portata in processione sul trattore con accanto le ragazze con indosso l’abito tradizionale. Vi si nota il suonatore di launeddas che accompagnava la processione.
2  1957. Foto di gruppo con indosso gli abiti tradizionali.
3  Primi anni Cinquanta. Processione in piazza Croce Santa.
4  Processione per le vie del paese. Dietro il simulacro di sant’Isidoro vi si scorge il parroco di allora, don Olla.
5  Fine anni Sessanta. Giovani posano con l’abito tradizionale.
6  Metà anni Quaranta. Giovani con i cavalli adornati per la processione.
7  Primi anni Cinquanta. Trattore addobbato per la processione.
8  Traca allestita in occasione della processione.
9  Traca allestita in occasione della processione.
10  Traca allestita in occasione della processione.

98765432101