Villaspeciosa in un click!

Progetto finanziato tramite la L.R. n. 261997

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Pasqua

I riti religiosi della Pasqua erano vissuti con grande devozione dagli abitanti di Villaspeciosa. Un giorno particolarmente atteso era il Venerdì Santo: per le vie del paese riecheggiava il suono delle raganelle che annunciavano l’ora delle funzioni religiose al posto delle campane che tacevano in segno di lutto. Intanto nella chiesa parrocchiale si procedeva a rimuovere il crocifisso dal muro per posarlo sopra i tappeti, dove i fedeli si inginocchiavano a baciare i piedi del Cristo, adornato con su nènniri, una piantina di grano esile e pallida cresciuta al buio, abbellita con fogli di carta colorata e traforata, con lumicini preparati con un po’ di acqua e olio e con fiori coltivati in casa, come le calle, le rose e i gigli di san Giuseppe.
Il Sabato Santo era un giorno di gioia perché si festeggiava simbolicamente la Resurrezione: al termine della messa, mentre le campane suonavano il Gloria, i membri della Confraternita entravano di corsa nella chiesa con la statua del Gesù Risorto. Nelle case del paese, ai rintocchi delle campane, uomini e donne battevano sulle porte con le mani o con i bastoni delle scope per scacciare gli spiriti cattivi.
I festeggiamenti raggiungevano il culmine la Domenica di Pasqua, quando si celebrava l’Incontro tra il Cristo Risorto e la Madonna, tra gli spari a salve dei fucili dei cacciatori e il canto Regina Coeli intonato all’unisono dalla folla dei fedeli raccolta nella piazza Croce Santa.
La settimana santa si concludeva con la messa, al termine della quale ogni famiglia si riuniva per il pranzo pasquale. Era l’occasione per consumare un pasto diverso da quello semplice e povero di tutti i giorni: un piatto di pastasciutta con il ragù e un secondo a base di carne d’agnello, cui si aggiungevano i cocoietti con l’uovo per i più piccini e is pardulas, le formagelle, preparate con ricotta, formaggio e zafferano.

1  1956. S’Incontru. Is stàtuas funt fadendi s’ùrtimu de is tres inchinus in pratza Gruxi Santa.
2  1956. S’Incontru. Sa Madonna, agou de s’incontru cun Gesucristu Arresortu, chentza de su velu nieddu in faci e is cunfraris dda portant in processioni in deretura de sa crèsia.
3  1956. S’Incontru. Gesucristu Arresortu, agou de s’incontru cun sa Madonna, is bagadius ddu portant in processioni in deretura de sa crèsia.
4  S’Incontru. Is cassadoris cun is fusillis in artu po sparai a s’incontru de sa Madonna cun Gesucristu Arresortu.
5  Pasca Manna. A s’acabu de s’Incontru is stàtuas de Gesucristu Arresortu e de sa Madonna funt una acanta a s’atra po torrai a crèsia.
6  Pasca Manna. Agou de s’Incontru is stàtuas de Gesucristu Arresortu e de sa Madonna torrant a crèsia passendi in sa bia de santu Pàrdimu.
7  1954. Apustis de s’Incontru in pratza Gruxi Santa, sa genti torrat a crèsia in processioni cun is stàtuas de Gesucristu Arresortu e de sa Madonna. Innantis a sa processioni nci funt su sìndigu e is aministradoris de intzandus.

7654321